SEZIONI NOTIZIE

Gianluca Scamacca, l'etichetta "scomoda" del predestinato

di Damiano Boccalini
Vedi letture
Foto

Ci sono giocatori che nascono già pronti per il grande salto. Magari hai 15 anni, hai un fisico imponente, tecnica sopraffina e hai già l’occasione d’indossare la maglia della Nazionale, non quella dei tuoi pari età ma quella dell’Under 17. Il ragazzo in questione, nato a Roma l’1 gennaio del 2000, è Gianluca Scamacca, enfant prodige del settore giovanile della Lazio considerato uno dei talenti più puri del calcio nostrano.

Il 20enne attaccante romano ha sposato in toto il progetto dell’Ascoli, accettando senza troppe esitazioni la destinazione e mettendosi subito a disposizione di mister Zanetti in vista della nuova stagione. Un’occasione troppo ghiotta per Scamacca, un trampolino di lancio per mettersi in mostra non solo per la cadetteria ma anche e soprattutto per il Sassuolo, squadra che detiene il cartellino dell’ex gioiello della primavera della Roma.

L’obiettivo a cui è chiamato Scamacca, sarà quello di togliersi di dosso l’etichetta del predestinato. Scappato da Roma nel gennaio 2015 per sposare il progetto del PSV (300 mila euro la cifra sborsata dalla squadra olandese), Gianluca in Olanda non ha mantenuto le promesse e dopo una sola stagione ha fatto armi e bagagli per tornare in Italia.

A bussare alle porte di casa Scamacca è il Sassuolo del presidente Squinzi, che decide di puntare sul ragazzo come investimento per il futuro. Pronti via e la primavera dei neroverdi vince il Viareggio proprio grazie alle reti dell’attaccante romano. L’esordio in Serie A al San Paolo nel 2017 resterà l’apice della carriera in maglia Sassuolo di Gianluca, che complice stagioni con più luci che ombre non riesce ad imporsi. Passa in prestito prima alla Cremonese e poi allo Zwolle, prima del nuovo ritorno alla base più come necessità che per meriti.

Oggi il futuro di Scamacca si chiama Ascoli, una piazza che ha deciso di scommettere con forza sul talento del classe 2000. Ma il tempo dei giochi è finito anche per Gianluca; a 19 anni è il momento di lasciare un segno importante e di togliersi definitivamente di dosso l’etichetta di eterna (incompiuta) promessa.


Altre notizie
Venerdì 23 Agosto 2019
13:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Dubbio in attacco per Zanetti 12:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Ascoli-Trapani, sfida tra esordienti 11:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - L’Ascoli si prepara al debutto contro il Trapani 10:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Dopo tre mesi si ricomincia dal Del Duca 00:15 Primo Piano Report allenamento - Seduta tecnico tattica e partita
Giovedì 22 Agosto 2019
16:00 News Serie B prima giornata: tutte le designazioni arbitrali 15:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Troiano: “Non manca nulla per fare un buon campionato” 14:31 Primo Piano Ascoli-Trapani: l’arbitro è Prontera 14:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Ardemagni: “Sabato indosseremo questa maglia” 13:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Presentate le nuove maglie
12:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Faraotti: “Non faccio parte della società ma è come se ci fossi” 11:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Abbonamenti: Tribuna Est gettonatissima 10:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Entusiasmo abbonamenti: raggiunta quota 3200
Mercoledì 21 Agosto 2019
23:12 Primo Piano Scamacca: “Massimo impegno, il Del Duca sarò il nostro uomo in più” 18:00 News CorrAdriatico - Brlek: “Con Zanetti ci divertiremo” 16:51 Copertina Fainplast main sponsor: la conferenza stampa 16:21 Primo Piano Presentazione nuove maglie stagione 2019/20 16:00 News CorrAdriatico - Brlek: “Siamo una squadra molto forte” 15:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Pucino: “Sono arrivato troppo tardi” 14:00 Rassegna Stampa CorrAdriatico - Tesoro: “Temo il Trapani, sarà un’altra squadra rispetto alla Coppa Italia”